Opzioni Binarie e Forex anche per i meno esperti

Corso di Forex per Chi Inizia. Capitolo 2 / parte terza

Indicatori grafici 

I FONDAMENTI DEL FOREX

Si ringrazia RoboForex per le risorse forniteci per  un corso Forex in Italiano

Contenuto del Corso

CAPITOLO 1: INTRODUZIONE AL MERCATO FOREX
Parte 1: Cos’è il FOREX? 
Parte 2: La storia del FOREX 
Parte 3: Perché fare trading sul FOREX? 
Parte 4: Chi fa trading sul FOREX? 
Parte 5: Perché il Day Trade? 
CAPITOLO 2: LE BASI DEL FOREX
Parte 1: Valute 
Parte 2: Prezzo 
Parte 3: Grafici dei prezzi 
Parte 4: Supporto e resistenza 
Parte 5: Linee di tendenza 
Parte 6: Schemi grafici 
Parte 7: Time frames
Parte 8: Indicatori grafici 
Parte 9: Fusi orari 
Parte 10: Tipi di ordini FOREX 
Parte 11: Pips 
Parte 12: L’importanza delle notizie 
CAPITOLO 3: ANALISI FONDAMENTALE
Parte 1: Cos’è l’Analisi Fondamentale? 
Parte 2: Calendario economico FOREX 
Parte 3: Trading su notizie e annunci 
Parte 4: Vantaggi dell’analisi fondamentale 
CAPITOLO 4: ANALISI TECNICA
Parte 1: Cos’è l’analisi tecnica? 
Parte 2: Grafici FOREX 
Parte 3: Andamento dei prezzi
Parte 4: Supporto e resistenza 
Parte 5: Rotture 
Parte 6: Linee di tendenza 
Parte 7: Canali
Parte 8: Time frames 
Parte 9: Tipi di trader che utilizzano l’analisi tecnica 
Parte 10: Ritracciamenti di Fibonacci 
Parte 11: Vantaggi dell’analisi tecnica 
CAPITOLO 5: PADRONEGGIARE TUTTE LE NOZIONI
Parte 1: Psicologia del trading FOREX 
Parte 2: Padroneggiare la gestione del rischio 
Parte 3: Scelta di un broker 
Parte 4: Apertura di un vero conto di trading FOREX

Se non hai letto il capitolo precedente

In questa parte parleremo di:

Parte 8: Indicatori grafici 

Parte 8: Indicatori dei grafici


Gli indicatori sono statistiche utilizzate per misurare le condizioni correnti del mercato FOREX e prevedere le future tendenze di mercato. Vengono impiegati nell’analisi per prevedere fluttuazioni in modo da poter sfruttare i movimenti del mercato.

Il tuo compito è scegliere i migliori indicatori e combinarli in modo tale da ottenere un vantaggio durante il trading. Idealmente, desideri che i tuoi indicatori confermino le informazioni fornite da ciascuno di essi, anziché duplicarle.

Ci sono sette principali indicatori dei grafici utilizzati ampiamente dai trader del FOREX. Una descrizione di ognuno segue di seguito.

Bollinger Bands (Bande di Bollinger)


Questo indicatore è stato creato da John Bollinger ed è utilizzato per misurare la volatilità di un mercato. Questo ti dice se il mercato è volatile o tranquillo. Quando il mercato è volatile, le bande si espandono e quando è tranquillo si contraggono. Ci sono diverse modalità con cui puoi applicare le bande di Bollinger per effettuare trade più efficaci.

  • Il rimbalzo delle Bollinger è quando il prezzo ritorna al centro delle bande. Il motivo per cui avvengono i rimbalzi è che le bande agiscono come livelli dinamici di supporto e resistenza. Le bande saranno più forti quanto maggiore è il timeframe che utilizzi.
  • La compressione delle Bollinger è un segnale che il prezzo si sta preparando per una rottura. Le bande si avvicinano durante la consolidazione dei prezzi e se il prezzo inizia a rompere al di sotto della banda inferiore, il prezzo inizierà un trend al ribasso. Se il prezzo inizia a rompere al di sopra della banda superiore, allora il prezzo inizierà un trend al rialzo.

Moving Average Convergence Divergence (MACD)

(Convergenza e Divergenza delle Medie Mobili)


Questo indicatore viene utilizzato per individuare le medie mobili che indicano un nuovo trend. Su un grafico MACD vedrai tre numeri che ti aiuteranno a determinare il significato dell’indicatore.

Il primo numero rappresenta il numero di periodi utilizzati per calcolare la media mobile più veloce. Il secondo numero rappresenta il numero di periodi utilizzati per calcolare la media mobile più lenta. Il terzo numero rappresenta il numero di barre utilizzate per calcolare la media della differenza tra le medie mobili più lenta e più veloce.

Puoi utilizzare queste due linee di medie mobili con diverse velocità per prevedere un trend. Ad esempio, quando la differenza tra le due linee è zero, può verificarsi un incrocio, che può segnalare l’inizio di un nuovo trend.

L’unico svantaggio del MACD è che le medie mobili tendono a reagire più lentamente rispetto al prezzo, ma rimane comunque lo strumento di scelta per molti trader.

Parabolic Stop And Reversal (SAR)

(Sosta Parabolica e Inversione)


Questo indicatore segnala la fine di un trend anziché l’inizio di uno. Questo è utile per i trader, in modo che sappiano quando uscire da un trade. Un Parabolic SAR posiziona punti su un grafico che mostrano ai trader potenziali inversioni nel movimento del prezzo.

Se i punti sono al di sotto delle candele in un grafico a candela, stanno indicando un segnale di acquisto. Se i punti sono sopra le candele, stanno indicando un segnale di vendita.

Questo indicatore funziona meglio nei mercati che seguono un trend, sia al rialzo che al ribasso. Non dovresti utilizzare un Parabolic SAR quando il prezzo si muove lateralmente.

Stocastico (Stochastic)


Questo è un altro indicatore, simile al Parabolic SAR, che può indicare al trader quando un trend potrebbe terminare. Misura le condizioni di ipervenduto e ipercomprato nel mercato.

Ha due linee, simili alle linee del MACD, in cui una linea si muove più velocemente dell’altra. Lo Stocastico è misurato su una scala da 0 a 100. Se le linee sono sopra l’80, il mercato è ipercomprato.

Se le linee sono al di sotto del 20, il mercato è ipervenduto. Tipicamente, i trader acquistano valute durante un mercato ipervenduto e vendono valute durante un mercato ipercomprato.

Relative Strength Index (RSI)

(Indice di Forza Relativa)


Il Relative Strength Index è un altro indicatore che aiuta i trader a individuare valute ipervendute o ipercomprate. Operando su una scala da 0 a 100, letture superiori a 70 indicano che il mercato è ipercomprato, mentre letture inferiori a 30 indicano che il mercato è ipervenduto.

Questo indicatore può essere utilizzato per verificare i trend. Se credi che sia possibile un trend al rialzo, l’RSI dovrebbe essere superiore a 50. Se credi che sia possibile un trend al ribasso, l’RSI dovrebbe essere inferiore a 50.

Average Directional Index (ADX)

(Indice Direzionale Medio)


L’indicatore ADX ha una scala da 0 a 100. Letture inferiori a 20 indicano un trend debole, mentre letture superiori a 50 indicano un trend forte.

Questo è diverso dallo Stocastico perché l’ADX misura semplicemente quanto sia forte il trend corrente. Questo indicatore viene utilizzato per determinare se un mercato sta iniziando un nuovo trend o se sta variando. Non ti dirà se dovresti comprare o vendere, ma ti dirà se è sicuro iniziare a fare trading in un trend continuo.

Ichimoku Kinko Hyo (IKH)


Questo indicatore è composto da cinque linee che misurano l’impulso futuro dei prezzi e le future zone di supporto e resistenza. Viene principalmente utilizzato per coppie di valute che includono la valuta JPY.

Kijun Sen (linea blu): Questa è la linea di base che calcola la media del massimo più alto e del minimo più basso nei 26 periodi precedenti.

Tenkan Sen (linea rossa): Questa è la linea di conversione che calcola la media del massimo più alto e del minimo più basso nei 9 periodi precedenti.

Chikou Span (linea verde): Questa è la linea ritardata, che rappresenta il prezzo di chiusura del giorno corrente e viene tracciata 26 periodi indietro.

Senkou Span (linee marrone e beige): Una linea Senkou calcola la media di Tenkan Sen e Kijun Sen tracciata 26 periodi in avanti. L’altra linea Senkou calcola la media del massimo più alto e del minimo più basso nei 52 periodi precedenti e viene tracciata 26 periodi in avanti.


In sostanza, l’IKH combina supporto e resistenza, indicatori di tendenza, crossover e oscillatori in un unico grafico. Una volta imparato a leggerlo correttamente, può fornirti una quantità di informazioni notevoli in un colpo solo.


La maggior parte dei trader utilizza almeno tre diversi indicatori per fare trading nel FOREX. A meno che. e finché tutti e tre gli indicatori non forniscano lo stesso segnale, non effettueranno un trade.

Gli indicatori che utilizzi alla fine dipenderanno da quelli che funzionano meglio per te. Pertanto, dovrai provarli tutti fino a trovare la combinazione giusta.

Nella prossima parte:

Parte 9: Fusi orari 
Parte 10: Tipi di ordini FOREX 
Parte 11: Pips 
Parte 12: L’importanza delle notizie

Se sei deciso a diventare in trader di successo, compra il corso completo

  1. Corso Forex 10 Video MP4 + 10 Audio MP3
  2. PDF Corso Forex 60 pagine ricche di grafici ed esempi.
  3. PDF 10 Strategie Forex per mettere in pratica quello che si e’ imparato.