La destinazione dei soldi su Spectre.ai

Guadagno di Spectre.ai

Dato che non esiste il broker, come nel caso di Spectre.ai, chiediamoci dove vanno a finire i soldi delle operazioni.

La domanda è: se il payout è del 70-80%, e la piattaforma trattiene solo il 2% il resto dove va? Non dovremmo aspettarci un payout dell’98% o giù di lì? Vediamo di capirci qualcosa.

Certamente la società che detiene la piattaforma di trading dovrà pur guadagnare anch’essa, sia per i costi di gestione, ma naturalmente anche per profitto.

Una  premessa e poi alcuni conti.

La “Pacchia” è Finita

Oggi il trader opera contro il broker. Una lotta impari, in quanto quest’ultimo ha il pieno controllo della piattaforma, con tutte le conseguenze negative che cio’ comporta per il trader. Ma ora “la pacchia” è destinata a finire, grazie alla tecnologia blockchain, il mezzo decentrato di scambio informazioni criptate.

La blockchain trova già applicazioni in tantissimi settori, e nuovi imprenditori già in parte ne sfruttano le potenzialità anche nel settore finanziario. Questo con molta probabilità porterà ad un diverso modo di intendere il trading, più sicuro e senza broker.

Come nel modo reale siamo schiavi della politica dei grandi istituti finanziari che fanno il bello e cattivo tempo grazie alla minaccia dello spread, così i broker, che hanno pieno controllo delle piattaforme, possono intervenire con diversi mezzi a danno del trader, ritardo nelle esecuzioni, piattaforme che si “bloccano”, operazioni rifiutate, prezzi di ingresso svantaggiosi ecc.

Quando il trader deposita effettivamente perde controllo dei suoi fondi, trasferiti al broker. Il broker può ritardare i prelievi ed in alcuni casi addirittura rifiutarsi di pagare e sequestrare i fondi, se il trader ad esempio (spesso a sua insaputa) non osserva rigidamente le norme del contratto, come ad esempio tenere due conti sotto lo stesso nome ecc.

Alcuni broker truffaldini assumono “account managers” che convincono i trader ad investire in operazioni perdenti, convincendoli aggressivamente a depositare sempre di più. Questo succede non solo nelle opzioni binarie, ma anche nel forex.

Eliminare il broker significa rimuovere la causa dei conflitti. Questo è la proposta di Spectre.ai, piattaforma basata su “blockchain” e “smart contracts” (protocolli sicuri di trasfermento fondi). Senza broker e senza impiegati “assistenti” finanziari.

Dove Vanno i Soldi

I Dividendi della Piattaforma Senza Broker

I Dividendi e flusso dei soldi della Piattaforma Senza Broker Spectre.ai

I fondi disponibili per i trader che chiudono operazioni positive si prelevano dalla “liquidity pool” (DALP) , un serbatoio/piscina decentrata fuori dal controllo di chiunque, in quanto si trova nella catena blockchain, e le sue operazioni sono regolate da smart contracts.

Anche i soldi delle operazioni perse finiscono nella pool. Naturalmente qualcosa deve anche andare al management della piattaforma, come attività imprenditoriale. Prima di seguire il percorso del denaro soffermiamoci sulle cripto.

Delle ether abbiamo già parlato ampiamente nella recensione di Spectre.ai ed in altri articoli. Anche Spectre alle sue cripto valute, sono due vediamo cosa sono ed a cosa servono.

Le Cripto di Spectre

Per creare inizialmente la liquidity pool viene avviata una ICO, cioè una vendita di criptovalute organizzata dalla proprietà della piattaforma stessa. Sono di due tipi

  • SPEC-D (SXDT)
  • SPEC-U (SXUT)

SPEC sta per Spectre, D per Dividendi, U per Utility.
Hanno un valore già prestabilito ed è probabile che aumenteranno nel tempo visto che hanno una applicazione pratica che vediamo ora.

Il cuore della operazione è dunque la  Liquidity Pool.

Il payout per il trader varia, fino ad un massimo del 93%, ma in pratica nella maggior parte dei casi tra il 70 e 80%.
Ogni operazione di trading ha un prelievo del 2% sia in caso di esito positivo che negativo, che va direttamente a Spectre.ai. Anche i trader hanno un guadagno aggiuntivo del 2% su ogni trade (se sono possessori dei token SXUT). Tale guadagno viene distribuito sia in base mensile che annuale. Se il trader perde dunque, 2% alla piattaforma, 2% al trader con cripto, 96% alla Liquidity pool.

Probabilità di Successo

Per andare in pareggio i trader devono vincere circa il 55-60% delle operazioni, pero’ statisticamente sono svantaggiati, in quanto col trading casuale la probabilità è del 50%.
Questo svantaggio va a beneficio della liquidity pool, non di un broker, che qua non esiste. La cui ricchezza della pool fa aumentare il valore delle cripto SPEC-D, create come forma di investimento sotto forma di dividenti mensili e annuali in tokens, cioè sempre sotto forma delle stesse cripto. Questi dividendi non devono intaccare la salute della pool.

Quindi si capisce che il valore delle SPEC-D dipende dalla dimensione della pool. Se questa aumenta (ed è probabile perché i broker di solito guadagnano rispetto al complesso dei trader) aumenta anche il valore della cripto SPEC-D, che puo’ costituire una buona forma di investimento.

Questa criptovaluta è adatta a chi non ha interesse ad operare come trader nella piattaforma. Per il classico trader che usa Spectre invece la cripto consigliata è la SPEC-U, la quale non ha dividenti, ma dà ai possessori dei payout più alti ed altri vantaggi, un po’ come il classico conto VIP. Il trader può operare dunque con le proprie cripto ethereum o con le cripto di Spectre, le SPEC-U.

Gli ethereum (moneta ether) sono acquistabili liberamente nel mercato delle criptovalute, ma tra breve anche su Spectre.

Come ottenere SXUT

Nella piattaforma di Spectre vai su “Account Settings, selezioni “SXUT Privileges

Come ottenere SXUT

Dove comprare SXDT

Si comprano negli exchange.  Abbiamo chiesto direttamente a Spectre dove acquistare gli SXDT.

– Hi Spectre, where to buy SXDT? On some exchange? Some advice? Thank you!

– Yes. Our tokens are on the following exchanges: Bibox (SXUT), EtherDelta (SXUT and SXDT), ForkDelta (SXUT and SXDT), IDEX (SXUT and SXDT), Crex24 (SXUT and SXDT)

Altri siti sono mostrati qui

dove comprare gli exchange

Aggiungiamo alcune informazioni utili per chi investe in SXDT.

DDEX Exchange

Un Exchange che abbiamo provato e reputato più semplice ed interessante è DDEX. Non devi trasferire qui i tuoi coin, ma operi direttamente. Nessuna registrazione né richiesta di dati personali. Puoi ad esempio cambiare i tuoi ETH, quelli che hai ad esempio su MyEtherWallet con SXDT, o con qualunque altra cripto, e ti li ritrovi poi nel tuo wallet personale.

Gli altri Exchange, poiché richiedono di trasferire prima del cambio le tue cripto da loro, sono molto lenti.

DDEX Exchange decentralizzato senza deposito con esecuzioni in tempo reale

DDEX Exchange decentralizzato senza deposito con esecuzioni in tempo reale

Su Currencio.co  puoi seguire il valore degli SXDT rispetto al dollaro USA.

Attenzione agli acquisti

Se compri per la prima volta ricorda queste regole:

  • Controlla il volume delle 24 ore! Il sito di exchange deve mostrare sufficienti movimenti.
  • Ricorda che comprare criptovalute è una operazione ad alto rischio.
  • Usa sempre l’autenticazione a due fattori sull’exchange che hai scelto.

Data la novità, stiamo ponendo continue domande e chiarimenti a Spectre.ai, per approfondire meglio i meccanismi di acquisto, vendita, investimenti e sopratutto del trading senza broker

Dunque seguite gli aggiornamenti di questo articolo.

Vai al Demo Gratis di Spectre.ai

Vai al Demo Gratis di Spectre.ai

commenta sul forum opzioni binarie