Trading per Principianti. Opzioni. Crypto. Crescita Personale.
Strategia 60 secondi

Secretum 60 Strategia Brevi scadenze

Migliore strategia price action a brevissime scadenze.


Secretum 60 è rivolto, come già sicuramente hai potuto leggere nelle nostre presentazioni, a chi possiede le conoscenze del trading. La tecnica illustrata è esclusivamente per le brevissime scadenze.


Il sistema, che imparerai facilmente ad applicare, porta ad un Trading entusiasmante, assimilalo bene e provalo prima su un demo, senza fretta, ti porterà ad un grande risultato costante nel tempo.
Scegli anche un Broker di Opzioni Binarie che abbia gli ingressi immediati e senza spread all’acquisto.


La parte tecnica
Il sistema che proponiamo dovrà essere applicato seguendo i movimenti sulla piattaforma Metatrader 4, inserisci gli indicatori che trovi allegati.


Il contenuto del sistema prevede:
Sec 60.tpl
Sec 60 Pivot.ex4
Sec 60 Alert.ex4
Sec 60 Price.ex4

Sec60Price è un indicatore che serve solo per avere il prezzo ben visibile sulla tua Metatrader 4.

Inserisci gli Asset che vorrai seguire, la Tecnica Secretum 60 è valida per tutti: Forex, Commodities, Indices e Stocks. Apri il primo grafico, seleziona il Tpl Sec 60.

La schermata della Metatrader che avrai sarà quindi simile alla nostra che riportiamo qui sotto:


Gli indicatori di Secretum 60

Indicatore Secretum 60 Pivot.
Sec 60 Pivot traccia automaticamente le Pivotline, congiunge gli Swing High tra loro e gli Swing Low tra loro.
Vengono presi in considerazione soltanto gli ultimi 3 Swing importanti, sono sufficienti per la nostra tecnica a brevissima scadenza, diamo maggior importanza ai movimenti degli ultimi minuti.
Vedremo pertanto sempre 3 Pivotline verdi e 3 Pivotline rosse.
L’indicatore Pivot traccia solo Pivotline convergenti tra loro: significa che vedremo sempre le Pivotline verdi, che uniscono i punti Pivot degli Swing superiori, sempre inclinate verso il basso a destra; viceversa per le
Pivotline rosse, saranno visualizzate sempre inclinate in alto verso destra.

L’immagine ci mostra quanto scritto adesso:


Le Linee verdi sono riferite agli Swing High, nota che sono sempre inclinate in basso verso destra.
Le Linee rosse riportano quindi il congiungimento dei minimi degli Swing Low; sono prese in considerazione, come già scritto precedentemente, le ultime
oscillazioni più significative.
Le rosse sono visualizzate solo se inclinate verso l’alto a destra.
Le verdi e rosse saranno pertanto sempre convergenti tra loro.


Indicatore Sec 60 Alert
L’indicatore segnala con l’apparire di una piccola freccia gialla il raggiungimento o superamento di una importante resistenza relativamente al Timeframe che stiamo seguendo.
Una freccia che appare su un Time avrà meno forza di repulsione o di blocco momentaneo dei movimenti dei prezzi di una apparsa su un Time superiore, la forza di direzione suggerita dalla freccia aumenta con l’aumentare del Time in cui appare.
Sappiamo subito quindi che, ad esempio, una freccia visualizzata su M30 darà più forza, porterà con maggior probabilità, ad una inversione (o esitazione) dei movimenti che non una freccia visualizzata su M15 o M5.
Ma la nostra tecnica prevede l’applicazione dell’insieme delle regole, non saranno mai, assolutamente, prese da noi in considerazione entrate nel Mercato se non dovessero corrispondere esattamente tutti i parametri
stabiliti, una freccia non sarà mai sufficiente per un nostro ingresso.
L’indicatore ha un allarme sonoro che puoi disattivare, apri la finestra e seleziona “false” nel campo che non ti interessa.

Indicatore Sec 60 Price.
L’indicatore visualizza semplicemente il prezzo con caratteri grandi e ben leggibili.
Numeri di colore verde indicano un aumento dei prezzi, quelli di colore rosso una diminuzione.

I 3 segreti
1 . Non meno di 5 candele M1
2 . Raggiungimento o superamento di una Pivotline superiore a M1 (meglio attendere M30 o H1)
3 . Apparizione della freccia su M1


Analizziamoli in dettaglio.
Non andare mai sotto il minimo delle 5 candele M1.
Andando indietro nel tempo e cercando le successioni di 5 candele dello stesso colore (seguendo il grafico su M1), ci accorgiamo facilmente che gran parte delle inversioni momentanee si verifica facilmente dopo questa sequenza di 5.
Certamente vedremo inversioni anche dopo una o due o tre candele, così come facilmente vedremo inversioni dopo 6,7,8 e anche 11,12 o più candele consecutive dello stesso colore; ma una successione di almeno 5 candele è quella che, nello studio per una ricerca accurata della migliore media positiva possibile, ha dato i migliori risultati.

Diamo dunque come regola fondamentale l’attesa di minimo 5 candele consecutive dello stesso colore su M1.
Non scendiamo a 4 o 3 dopo aver provato la tecnica, anche se, tantissime volte, vedremo una inversione nei punti da noi attesi con un numero di candele M1 inferiore a 5.
La media migliore sarà ottenuta dopo almeno una successione di 5 candele M1.
La migliore media del minimo di 5 candele deriva dall’analisi di mesi di trade in reale.
Adesso sai che dovrai seguire i grafici ma prestare grande attenzione solo dopo che vedrai, sempre su M1,almeno 4 candele consecutive dello stesso colore, le candele alternate non saranno motivo di allarme.
Dopo la quarta candela ti preparerai ad un eventuale ingresso nel trade.

Segreto numero 2: raggiungimento di una Pivotline


Le Pivotline sono sicuramente uno degli ostacoli maggiori ai movimenti dei prezzi, con grande probabilità al raggiungimento di una di queste il grafico potrà avere una pausa, un piccolo cambio di direzione o comunque una esitazione.
Il raggiungimento di una Pivotline di un Time superiore a M1 (non oltre H1) è la nostra seconda regola fondamentale per un ingresso in pullback a pochi secondi (sceglieremo sempre come base circa 60 secondi).


Segreto numero 3: freccia su M1.


L’indicatore Alert avvisa con l’apparizione di una piccola freccia gialla il superamento di una generica resistenza che può essere anche orizzontale, ma, il superamento di una Pivotline che dovremmo prendere in considerazione, sarà con grande probabilità seguita (o anche anticipata) quasi sempre dalla apparizione della freccia su M1.
Questo significa che non prenderemo in considerazione un ingresso al raggiungimento (o il superamento) di una Pivotline se non accompagnato dalla freccia su M1.

Viceversa, vedremo tante volte l’apparizione di una freccia M1 in un punto dove non vediamo Pivotline, ma certamente è stato raggiunto o superato un punto precedente di resistenza; ma pur vedendo una freccia su M1, i movimenti del grafico saranno da noi soltanto seguiti con attenzione ed il nostro ingresso sarà
esclusivamente al raggiungimento di una Pivotline in un Time superiore a M1.
La freccia M1 ci indicava già una possibile inversione ed il raggiungimento di una Pivotline ci darà una maggior sicurezza.


Il nostro ingresso (click) avverrà esattamente all’apparizione della freccia su M1 dopo che una pivotline (di un time superiore a M1) è stata superata o raggiunta.
Se abbiamo già una freccia su M1 cliccheremo tempestivamente solo al raggiungimento esatto (od eventuale superamento avvenuto) del valore della pivotline.
Mai prima del raggiungimento della linea, mai prima dell’apparizione della freccia su M1.
Tantissime volte vedremo il pullback verificarsi dopo una successione di 3 o 4 candele M1, così come vedremo il pullback verificarsi al solo raggiungimento della pivotline, ma noi cerchiamo il massimo, la media migliore; rispettando le regole, senza quindi la fretta di vincere subito ed in fretta, arriviamo al nostro obiettivo.

Iniziamo il Trading
Seguiremo sempre il grafico sul Time M1, sarà questo che deciderà il nostro ingresso; è relativo a candele della durata di un minuto, i nostri Trade saranno esclusivamente di circa 60 secondi.
Dovrai abituarti anche a controllare velocemente ed in rapida successione tutti gli altri Timeframe.

Gli ingressi sulle Pivotline
I nostri ingressi nel Trade saranno quindi esclusivamente solo dopo una sequenza di almeno 5candele consecutive su M1 dello stesso colore.
Questo il procedimento corretto prima di un ingresso: seguiamo, alternando i grafici, i movimenti dei prezzi, operazione che dovrà essere logicamente fatta costantemente.
Al momento di una successione di 3 o 4 candele M1 dello stesso colore in uno dei grafici, andiamo subito a vedere gli altri time dello stesso asset che stiamo seguendo, M5 M15, (meglio M30 ed H1), non andiamo oltre (vediamo in seguito il perché).
Questa operazione è da fare continuativamente e sistematicamente, seguire il numero di candele su M1 e tenere sotto controllo gli altri Time .

Analisi di Secretum 60
Regola Assoluta: 5 candele consecutive.
Le candele devono essere dello stesso colore ma alcune candele di colore opposto non interromperanno la sequenza, semplicemente non verranno considerate nel conteggio.
Non interrompono la sequenza e non vengono contate le candele:
– Doji (apertura e chiusura allo stesso valore, corpo nullo).
– Candele di colore opposto con il corpo piccolo (massimo 3 decimi di pip).
– Candele di colore opposto ma che hanno massimo e minimo relativi inferiori a massimo e minimo relativi della precedente candela per un trend discendente, massimo e minimo relativi superiori a massimo e minimo relativi della precedente candela per un trend ascendente.

La candela verde nella figura continua il trend discendente anche se il suo colore cambia per la chiusura superiore alla sua apertura; non la contiamo nella sequenza, per noi la successione che vediamo è di 6 candele.

Candele di colore opposto contenute nel Range della precedente (ombre comprese per entrambe le due considerate)
La candela verde nella immagine non verrà contata nella sequenza; non la consideriamo neanche come cambio di direzione.
La sequenza che vediamo è per noi di 4 candele rosse.

Diamo adesso una importante regola per una sequenza affidabile.
spettiamo, come ben sappiamo, una successione di almeno 5 candele M1; se dopo la sequenza delle 5 candele non dovessimo avere il raggiungimento o superamento di una Pivotline pur vedendo la freccia su M1, da questo momento in poi non baderemo più ad una nuova ulteriore sequenza di almeno 5 candele.


Spieghiamo con un esempio:


Vedo le 5 candele e la freccia ma la Pivotline non è stata ancora raggiunta (vedi in figura le 3 candele rosse dopo una sequenza di 7 verdi.
Se dopo le 5 candele (nel nostro esempio 7) non fosse stata ancora raggiunta la linea e dovessimo avere una inversione di una o più candele (quindi di colore opposto come nel disegno), non aspetteremo più una seconda sequenza di almeno 5 candele, aspetteremo soltanto il raggiungimento della Pivotline e l’apparizione di una nuova freccia su M1.

Guardiamo ancora l’immagine e ripetiamo il concetto: abbiamo una prima sequenza di 7 candele verdi ed abbiamo già la freccia su M1 (nella immagine non vediamo la freccia perché l’indicatore ci mostra solo l’ultima se facciamo un cambio di time per controllare); siamo pronti per l’ingresso al raggiungimento di una Pivotline.

Da questo momento, dato che la successione di almeno 5 candele la abbiamo già avuta, non dovremo più aspettare una nuova sequenza di almeno 5 candele, entriamo nel trade anche dopo alcune candele di colore opposto, anche una sola, logicamente se la direzione dovesse continuare come la precedente e fosse raggiunta o superata una linea pivot.


Nella figura, dopo le tre rosse, abbiamo due verdi con l’apparizione della freccia sulla rossa (che sicuramente era verde per aver superato la precedente.
Se questa freccia fosse stata in coincidenza di una linea Pivot saremmo potuti entrare senza aver dovuto aspettare una sequenza di altre 5 candele verdi.

Analizziamo adesso una sequenza di immagini, vediamo come prepararci per un possibile imminente ingresso.


Il grafico è M1, dobbiamo sempre seguire tutti gli Asset con Time ad un minuto.
(Cerchiamo costantemente un grafico che riporti almeno 3 candele consecutive dello stesso colore per avere un primo nostro Alert di ingresso).
Vediamo, nella figura, dopo lo Swing Low centrale indicato dal pallino rosso, una prima successione di una candela verde, una piccola rossa quasi doji e tre verdi, seguite da una rossa che interrompe momentaneamente la salita.
La rossa piccola “quasi” doji e la seconda rossa non verranno considerate nella
sequenza delle 5 ma come possiamo vedere facilmente, le due candele fanno parte del trend ascendente anche se la loro chiusura è stata inferiore alla loro apertura.

Quindi non spezzano la sequenza ma non vengono contate; per noi questa è una successione di 8 candele verdi.
Non vediamo la freccia ma passiamo velocemente agli altri Timeframe, cerchiamo la Pivotline.
La freccia potrebbe apparire subito o alla successiva candela M1.
Guardiamo subito M5, M15, (meglio M30 ed H1), abbiamo già detto che non andiamo oltre, H4 e Daily non ci danno una precisa indicazione del punto di Pullback.
Noteremo tante volte anche questo particolare: al raggiungimento di una Pivotline ci potrà essere un piccolo superamento della Linea seguito da un immediato rientro sulla stessa; se siamo su M5 o M15, il superamento
relativo sarà solitamente minore di quello che si verificherà su Time più alti.
E’ quindi più preciso, come misurazione, il valore letto su una Pivotline su M5 o M15 di quello letto su una 30 ed H1.

Dopo vedremo ancora in dettaglio questo particolare.

Riprendiamo l’analisi della sequenza precedente e vediamo cosa avevamo su M5.

Non ci sono Pivotline che possano dare origine ad un Pullback. E’ quindi molto probabile che i prezzi continuino a salire per mancanza di ostacoli.
Se volessimo entrare in un Trade a favore del Trend potrebbe sembrare una buona scelta, ma prima controlliamo gli altri Time!

Passiamo velocemente a M15.


Anche M15 è libero, non vediamo ostacoli per una ulteriore salita.
Attenzione a questa immagine!
Hai notato i precedenti Punti Pivot?
Cerca sempre quelli che devono essere ancora raggiunti dalla nostra ultima candela, nella figura sono quelli che sono quasi allineati alla linea di colore chiaro dei prezzi, i massimi delle candele verdi degli Swing High che vediamo
sotto poco a destra della scritta “M15”.
Le resistenze (supporti) orizzontali in coincidenza dei massimi degli Swing non li visualizziamo con degli indicatori ma sono facilmente individuabili, anche questi potranno portare con grande probabilità ad un pullback, magari solo momentaneo.
Certo, non li considereremo affidabilissimi per un cambio di direzione ma possono darci un piccolo ulteriore aiuto; la nostra tecnica è a pochi secondi, per noi è sufficiente che i prezzi “tengano” un ritracciamento per un
brevissimo periodo di tempo.

Ma non preoccuparti di queste oscillazioni, non entreremo solo al raggiungimento di un massimo relativo di un precedente Swing, ci serve solo sapere che quello potrà essere un punto di cambio di direzione e servirà quindi soltanto per tenerci pronti all’apparizione di una eventuale freccia.


Andiamo avanti, controlliamo M30


Vediamo subito una Pivotline verde che potrebbe essere facilmente raggiunta tra pochissimo (pensate agli swing di poco fa, siamo probabilmente allo stesso livello…).
Ci prepariamo quindi per un ingresso e se i prezzi dovessero toccare la stessa entriamo decisamente nel Trade con scadenza massimo 60 secondi!

Regola assoluta!
Si entra nel Trade esclusivamente al raggiungimento del valore della Pivotline (o superamento se dovesse capitare un veloce movimento, vediamo dopo le eccezioni ed i particolari).

Come saperlo esattamente?
Abbiamo due sistemi differenti, assicuriamoci che corrispondano entrambi.
Andiamo col mouse sulla Linea e leggiamo il suo valore, appare la piccola finestra:



Memorizziamo subito le ultime 3 cifre, nel nostro esempio 763 e ritorniamo velocemente su M1.
Attendiamo l’apparire della freccia (se ancora non la vediamo) ed al raggiungimento, o veloce superamento del valore 763 entriamo immediatamente nel Trade (se la linea viene superata e la freccia non dovesse ancora esserci, dobbiamo attendere necessariamente la sua apparizione)

.
Se con il mouse dovessimo leggere un valore differente, ad esempio minore di quello reale che abbiamo al momento, e questo nel caso di un Pullback in discesa non sarebbe possibile, dobbiamo verificare e cercare il valore corretto spostandoci leggermente sulla linea fino a trovare un valore superiore al nostro del momento.
Questo accade perché se non posizioniamo bene il mouse sulla linea, potremmo leggere un valore che non può corrispondere, ma un piccolo spostamento laterale del mouse ci darebbe il valore corretto.


Se dovesse risultare faticosa questa soluzione o di difficile lettura, adottiamo l’altro metodo semplicissimo:


prendiamo il cursore “croce” e ci posizioniamo sopra la linea sulla verticale della candela che dovrebbe raggiungerla; leggiamo il valore sulla finestrella che appare ma controlliamo anche sulla scala dei prezzi sulla destra della Metatrader 4.
Come vediamo in questa immagine ci siamo posizionati sulla linea e leggiamo il valore sulla finestrella che appare.

Notiamo adesso il particolare sopra descritto di un possibile errore di lettura.
Il punto in cui ci siamo posizionati ci da il valore di 887 finale, ma se guardiamo i prezzi del momento vediamo che siamo a 885 (particolare nella successiva immagine sotto), non è quindi possibile una differenza di due
soli decimi, ci dovremmo spostare leggermente sulla destra della linea, salendo leggermente, per leggere un valore che deve essere logicamente più grande.
Quindi per essere sicuri leggiamo anche il valore sulla destra nella Metatrader, come vediamo in questa altra immagine (il pallino azzurro indica il cursore).


La freccia indica la verticale della candela sulla intersezione della linea.

Ci spostiamo rimanendo sul punto preciso della verticale della candela e verifichiamo il valore sulla scala dei prezzi, sulla destra.
Questo per il motivo sopra accennato; a volte è sufficiente spostarsi col mouse leggermente dalla verticale per leggere un valore che non può corrispondere, quindi meglio assicurarci con la scala dei prezzi.
Non badate alla nostra immagine che ha il centro del cursore spostato sulla destra della verticale, dobbiamo stare attenti solo all’altezza della linea che viene misurata e come notiamo, la linea orizzontale del cursore, è proprio sulla verticale della candela che sta per raggiungere la pivotline (il centro lo abbiamo spostato noi solo per non far apparire il valore con la finestrella).
In particolare stiamo leggendo il valore 914, un valore superiore di quello che ci dava il cursore od il mouse sulla linea, un valore che sicuramente è corretto.
Sappiamo quindi che al valore di circa 914 possiamo entrare nel trade.
Il precedente valore letto con il mouse non era quindi possibile, troppo vicino a quello dei prezzi del momento che vediamo sono 885; ci saremmo dovuti spostare leggermente sulla destra per trovare il valore reale.


In definitiva: cursore “croce” e leggiamo il valore sulla scala dei prezzi!